Salta la navigazione

Questo libro nasce da un interrogativo fondamentale che si pongono quanti si occupano di luoghi e cittadinanza: se la partecipazione dei cittadini vista a volte come una complicazione dei processi decisionali non sia il fine ultimo della gestione dei conflitti. Ovvero, quanto i conflitti possono diventare un’occasione di partecipazione dei cittadini nella costruzione del territorio e nelle politiche di sviluppo?

Tra le tante risposte che si possono dare a queste inquietudini, il lavoro dell’OLCA (Observatorio Latinoamericano de Conflictos Ambientales) di Santiago del Cile si rivela un prezioso e valido esempio che va nella direzione della partecipazione dei cittadini.

Questo libro vuole essere un tentativo da parte di un geografo, un’antropologa e una sociologa che, con età, visioni e prospettive diverse sono accomunati dall’interesse nei confronti del rapporto tra cittadinanza e territorio, tra politiche ambientali e metodi di partecipazione, tra diversità culturale e appartenenza ai luoghi. Insomma, come dice il titolo del volume, ai “territori dei cittadini”.

Nel capitolo uno si elabora una definizione capace di rappresentare la complessità e varietà dei conflitti ambientali, procedendo poi nell’analisi delle teorie scientifiche e delle conseguenti pratiche di gestione riguardanti i conflitti ambientali. Si individuano tre modelli tesi a spiegare e a offrire strumenti per orientarsi nel mondo della produzione scientifica e della prassi professionale, che possono essere riassunti in tre parole chiave: scarsità, accordo, empowerment. Il capitolo si conclude individuando un percorso che vede i conflitti ambientali come ambiente di apprendimento, capaci cioè rivelare le trame del tessuto territoriale e allo stesso tempo di fornire una “bussola” per analizzare lo svolgersi del conflitto e gli elementi chiave che lo compongono. I capitolo si conclude analizzando due tipologie esperienze tratte dal panorama internazionale: gli inventari comparati di casi di studio e le istituzioni consolidate per la gestione dei conflitti ambientali.

Il secondo capitolo si propone di esplorare il concetto di cittadinanza come appartenenza ad una comunità politica distinguendo quali possono essere i criteri di inclusione che si possono scegliere, configurandosi così come una forma di integrazione ma anche di esclusione sociale. Si individuano tre modelli di cittadinanza che si possono riassumere in tre parole chiave: individuo, comunità, partecipazione. Il valore della libertà e dell’eguaglianza, il riconoscimento dei beni comuni, il dovere di partecipazione sono i concetti-guida nella definizione di una cittadinanza che riesca ad essere sempre più “includente” e attenta alle diversità esterne ed interne ai confini che si è costruita.

Dopo questi due capitoli introduttivi, con il capitolo terzo si entra nel merito della realtà in cui opera l’OLCA. Si fornisce un quadro sulla situazione ambientale ed istituzionale in America Latina, a partire dalla Conferenza di Stoccolma del 1972, nel quale emerge un considerevole impegno delle istituzioni politiche latinoamericane nell’organizzare la macchina pubblica in modo da accogliere gli stimoli provenienti dagli impegni internazionali. Il “costituzionalismo ambientale” tipico dell’America Latina, le leggi quadro sull’ambiente, l’organizzazione amministrativa e il ruolo del sistema giudiziario rappresentano degli interessanti esempi di attuazione degli impegni internazionali verso lo sviluppo sostenibile. Tuttavia permangono alcune criticità: una oscillante attuazione della normativa in tema ambientale e una certa impermeabilità nei confronti delle istanze di partecipazione mosse dalla società civile.

Il capitolo quattro affronta il ruolo dell’OLCA nei processi interni al Cile relativi a democrazia, ambiente e partecipazione. Dopo un’analisi di come il Cile nel contesto latinoamericano abbia approvato una norma quadro ambientale, istituito una commissione nazionale per l’ambiente e avviato il sistema di valutazione dell’impatto ambientale, viene presentato il percorso dell’OLCA teso a favorire una sempre maggior partecipazione della cittadinanza nel quadro istituzionale che si andava delineando. Si approfondisce la cultura e la struttura organizzativa dell’OLCA, i valori che lo fondano, la metodologia utilizzata che la configura come un’organizzazione impegnata nella difesa dei diritti ambientali contribuendo alla democratizzazione della società attraverso processi di empowerment, di incentivazione all’organizzazione della società civile e di coscientizzazione ambientale.

Nel capitolo successivo si entra nel merito delle modalità di intervento dell’Observatorio, sia alla scala di azione cilena che latinoamericana. Da un lato si esplorano i metodi utilizzati dall’organizzazione per collaborare con le comunità locali, dall’altro il ruolo dell’OLCA nell’attivazione di reti sulle questioni di giustizia ambientale a scala nazionale e continentale.

Il capitolo 6 conclude il volume con alcune considerazioni in merito alla possibilità di confronti e collaborazioni tra Europa e America Latina sui nuovi diritti di cittadinanza ambientale e sul ruolo della partecipazione quale prerequisito per la garanzia del diritto allo sviluppo sostenibile.

Il volume nel suo complesso offre un quadro articolato delle questioni rilevanti del rapporto tra democrazia ambientale e cittadinanza sostenibile analizzando opzioni concretizzabili in una prospettiva di riappropriazione partecipata dei processi di produzione e riproduzione del territorio.

Questa pubblicazione si inserisce nel quadro del progetto formativo “Processi di apprendimento di pace attraverso la gestione di tematiche ambientali” ideato e promosso dal Forum Trentino per la Pace con l’Università di Trento finalizzato alla formazione e sensibilizzazione rispetto ai processi di costruzione di pace mediati dalla gestione di conflitti di natura ambientale. Il percorso mira a potenziare l’apprendimento di conoscenze, capacità e attitudini valoriali in una prospettiva di formazione integrale della persona ed è rivolto agli studenti universitari, agli operatori della solidarietà internazionale ed alle persone interessate alle tematiche della pace e della giustizia in una dimensione ambientale e territoriale.

Per facilitare il dialogo e lo scambio al di là delle pagine di questo libro si è scelto di adottare un approccio condiviso alla conoscenza prodotta utilizzando la licenza Creative Commmons 2.5 Italia e contemporaneamente aprendo un apposito blog al seguente indirizzo: https://iterritorideicittadini.wordpress.com.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: